Ti trovi in:

Rifiuti » Centri di raccolta » Regolamento dei centri di raccolta.

Regolamento dei centri di raccolta.

di Mercoledì, 27 Agosto 2014

Regolamento dei centri di raccolta.

REGOLAMENTO DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI (CRM)

Art. 1 - Utenti ammessi al centro di raccolta

Le utenze che possono accedere al Centro di Raccolta sono:
• le utenze domestiche produttrici di rifiuti urbani in regola con il pagamento della tariffa di igiene ambientale;
• le utenze non domestiche produttrici di rifiuti non pericolosi assimilati agli urbani in regola con i pagamenti nei confronti di AMNU S.p.A..
L’addetto del Centro può richiedere l'esibizione di documentazione che attesti il diritto dell’utente a conferire il rifiuto. In caso di diniego inviterà l'utente a non scaricare e ad uscire immediatamente dal Centro di Raccolta.
In presenza del sistema di registrazione ingressi e conferimenti l’utente dovrà registrare, prima del conferimento, il proprio ingresso mediante l’uso di una tessera magnetica.

Art. 2 - Rifiuti ammessi e suoi conferimenti

Le tipologie dei rifiuti ammessi al conferimento in forma differenziata sono quelle indicate nell’allegato 1 al presente Regolamento.
Per rifiuti ingombranti si intendono i rifiuti provenienti da fabbricati o da altri insediamenti civili che a causa delle loro dimensioni superano la volumetria minima dell’apparecchiatura prevista dal sistema di raccolta in atto per la frazione secca (attualmente la calotta volumetrica della capacità di 15 litri) o che, a causa del loro peso o della natura del materiale, potrebbero danneggiare i contenitori o rendere problematico il loro svuotamento.
Si considerano inoltre rifiuti ingombranti i rifiuti contenuti nei sacchi prepagati utilizzati in occasione di possesso o detenzione temporanei di aree e locali per eventi sportivi, ricreativi, manifestazioni socio-culturali.
A loro volta i rifiuti ingombranti si suddividono in:
• A1 beni durevoli di arredamento e impiego domestico conferibili a titolo gratuito entro i limiti di assimilazione stabiliti;
• A2 il rimanente rifiuto non recuperabile, rispondente alle caratteristiche di cui sopra, conferibili a titolo oneroso entro i limiti di assimilazione stabiliti.
I rifiuti riciclabili devono essere puliti ed esenti da impurità; in caso contrario il rifiuto è classificato secco residuo non riciclabile.
Ai sensi dell'art. 4 del Regolamento Tecnico Comunale in vigore il Gestore fissa i limiti di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti non pericolosi di provenienza non domestica.
Il Gestore fissa i limiti giornalieri e annuali per i conferimenti valevoli per le varie tipologie di rifiuti da parte delle utenze domestiche.
Si precisa che la classificazione dei rifiuti e le annesse quantità limite sono riferite ad ogni singola utenza.
In caso di incertezza sulla classificazione del rifiuto (urbano, speciale, pericoloso o non pericoloso) l’addetto del Centro può respingere il conferimento, rinviando la decisione ad AMNU, la quale potrà chiedere ulteriori elementi a supporto per la corretta classificazione.
Art. 3 - Obblighi e compiti dell’addetto del Centro di raccolta

L’addetto del Centro deve:
• accertare che la natura e provenienza del rifiuto, il relativo codice CER e le quantità conferite da parte degli utenti rientrino in quanto indicato all’articolo 7 del presente Regolamento;
• compilare ed inserire su apposito sistema informatico la documentazione relativa ai flussi dei rifiuti in entrata ed uscita dal Centro;
• osservare tutte le norme impartite da AMNU in materia di gestione dell'impianto e sulla sicurezza sul lavoro;
• far rispettare il presente Regolamento;
• astenersi da qualsiasi forma di cernita del rifiuto, se non strettamente finalizzata a migliorare la qualità della raccolta differenziata;
• astenersi dal trattenere, per se stesso o per altri, rifiuti o altri materiali di qualsiasi natura;
• astenersi da qualsiasi forma di commercio di rifiuti o altre attività non strettamente inerenti alla prestazione del servizio oggetto del presente Regolamento;
• non introdurre rifiuto oltre il grado di riempimento massimo dei contenitori, od oltre il limite autorizzato, e chiedere tempestivamente il loro svuotamento;
• osservare le norme previste dalla D. Lgs. 196/03;
• non accettare alcuna forma di pagamento da parte degli utenti;
• mantenere pulite le aree interne ed esterne del Centro, compresi i locali interni;
• segnalare ad AMNU qualsiasi eventuale necessità.
Ai fini della sicurezza sul lavoro l’addetto al Centro non è tenuto ad accedere all’interno degli automezzi con i quali l’utente trasporta il proprio rifiuto. In caso di conferimento da parte dell’utente di rifiuto ingombrante, o comunque con difficoltà di movimentazione dello stesso a causa del peso, il soggetto che conferisce tale rifiuto deve provvedere autonomamente alle operazioni di scarico.
L’addetto del Centro è tenuto ad intervenire esclusivamente in caso di emergenza.

Art. 4 - Disposizioni agli utenti

Agli utenti viene fatto espresso DIVIETO di:
a) conferire rifiuto non compreso, nonché oltre i limiti, nell’allegato 1 al presente regolamento;
b) arrecare danni alle strutture, alle attrezzature, ai contenitori e a quant'altro presente nel Centro per la raccolta differenziata;
c) abbandonare all'esterno del Centro o dei contenitori dedicati qualsiasi tipologia di rifiuto;
d) introdurre nei contenitori adibiti alla raccolta tipologie di materiale diverse da quelle previste per i rispettivi contenitori;
e) effettuare qualsiasi forma di prelievo e/o cernita del materiale conferito;
f) introdursi nei contenitori adibiti alla raccolta.

Gli utenti hanno l'OBBLIGO di:
a) dimostrare, se richiesta, la natura domestica o assimilata all’urbano del rifiuto oggetto del conferimento;
b) per gli utenti non domestici sottoscrivere la prescritta convenzione per il conferimento del rifiuto assimilato;
c) registrare il proprio ingresso attraverso una tessera magnetica se il centro è attrezzato per tale funzione;
d) sostare all'interno del Centro esclusivamente per le operazioni di scarico dei rifiuti;
e) seguire scrupolosamente le indicazioni visive e quelle impartite dall’addetto al centro;
f) accedere al Centro con i rifiuti già separati sul proprio mezzo di trasporto al fine di ridurre i tempi di scarico. L’accesso con rifiuti caricati in maniera indifferenziata implicherà la classificazione di tutti i rifiuti presenti come “rifiuto ingombrante a pagamento”;
g) rispettare gli addetti ed il loro operato, segnalando eventuali comportamenti anomali.

Gli utenti hanno il DIRITTO di:
a) essere adeguatamente informati sul sistema di raccolta dei rifiuti;
b) chiedere e compilare il modulo per le segnalazioni/suggerimenti da indirizzare ad AMNU;
c) essere trattati con gentilezza ed educazione da parte degli addetti al centro.

Comportamento che l’utente deve tenere all’atto dello scarico :
• RIFIUTI NON PERICOLOSI: il conferimento consiste nello scarico dei rifiuti, a cura dell’utente, dall’automezzo adibito al loro trasporto e nella successiva immissione all’interno del contenitore destinato alla raccolta;
• RIFIUTI PERICOLOSI: il conferimento consiste nello scarico dei rifiuti, a cura dell’utente, dall’automezzo adibito al loro trasporto e la consegna all’addetto per la successiva introduzione nel contenitore destinato alla raccolta.

Art. 5- Corrispettivo del servizio

Le tariffe per il conferimento dei rifiuti sono stabilite da AMNU ed esposte presso il Centro di Raccolta.
Il corrispettivo sarà indicato su un’apposita ricevuta da consegnare all’utente; l’importo sarà addebitato sulla prima fattura utile del servizio di Igiene Ambientale.
Non è consentito in nessun caso il pagamento in contanti del corrispettivo all’interno del Centro.

Art. 6 – Violazioni

Ogni violazione del presente disciplinare sarà sanzionata in base alla legislazione vigente in materia, nonché secondo quanto previsto dai Regolamenti Comunali.
Per quanto non contemplato nel presente regolamento valgono le norme previste dal D.M. 8 aprile 2008 e s.m.i..

Art. 7 – Limiti di assimilabilità e conferimenti

I limiti di assimilabilità dei rifiuti urbani e dei rifiuti speciali assimilati agli urbani di cui all’art. 184 comma 2 lettera b) del D. Lgs. 152/06, sono riportati nell’allegato 1 al presente regolamento.
Si precisa che il limite di assimilazione indicato è dinamico in funzione dei conferimenti; esso potrà variare a seconda della capienza residua dei contenitori.